"Grattati e Vinci" – Teatro San Fedele – 25 gennaio 2014

SABATO 25 GENNAIO 2014-  alle ore 21 “Grattati e Vinci” Produzione Quotidiana.com, III° episodio della Trilogia dell’Inesistente, esercizi di condizione umana, di e con Roberto Scappin e Paola …

781
Condividi
781

SABATO 25 GENNAIO 2014-  alle ore 21

“Grattati e Vinci”

Produzione Quotidiana.com, III° episodio della Trilogia dell’Inesistente, esercizi di condizione umana, di e con Roberto Scappin e Paola Vannoni, con il contributo della Provincia di Rimini e della Regione Emgrattati e vinciilia Romagna, in collaborazione con Emilia Romagna Teatro Fondazione. Ambientazione minimalista per una recitazione particolare: “Un allestimento quasi sussurrato, sintesi delle inquetitudini del nostro tempo”.

Gli “esercizi di condizione umana” che veicolano i tre episodi della Trilogia, si connotano in Grattati e vinci nell’atto del creare attraverso i mezzi stessi dell’impotenza.
Impotenza non come gesto attonito ma appropriazione di una volontà che non si sottomette a un’ereditarietà ideologica.
Il lavoro si ispira, senza palesarlo, al concitato tentativo di mutare il proprio reale grattando, uno dopo l’altro, il dorato rettangolo del grattaevinci.
Da questo agire compulsivo che si propaga agli àmbiti del quotidiano, appare che i vincenti siano coloro che non inseguono, non desiderano, ma si riappropriano dei residui di autodeterminazione cercando una personale verità e natura dell’esistere.
In Grattati e vinci le due figure abitano lo spazio di due sgabelli da campeggio, in una raffigurazione scomoda dell’ozio come sperimentazione del non fare, piattaforma di sospensione, rifiuto del reale.
Da questa condizione di neutralità si rivela come dal lievito madre una lenta ma progressiva crescita, il recupero di una consapevolezza che riacquista attraverso il dialogo la disponibilità del pensiero, la produzione di scenari che intagliano e fendono un reale illusoriamente monolitico.

L’intento è sollecitare una lettura critica del reale, articolando la moltiplicazione del dubbio, per condividerlo con lo spettatore nella membrana pulsante della sua inquietudine.

Teatro San Fedele

Per informazioni e prenotazioni tel. 339.1154535 – 339.4543372

Condividi
In questo articolo