I mulini ad acqua di Montone

Nel volume “L’Umbria dei Mulini ad acqua” edito da Quattroemme (Perugia,2013), a pag. 131 in una scheda redatta dal pro. Alberto Melelli si parla dei quattro opifici, tutti …

915
Condividi
915
02-W

Nel volume “L’Umbria dei Mulini ad acqua” edito da Quattroemme (Perugia,2013), a pag. 131 in una scheda redatta dal pro. Alberto Melelli si parla dei quattro opifici, tutti da cereali, del Mulinello nella media valle del Rio, il Mulino di sopra e il Mulino di sotto alla destra del Carpina a sud-est di Montone;e soprattutto del Mulino di Carpini, ” … ubicato poco più di due chilometri a sud-ovest dell’omonimo abitato,

02-W

 

lungo il torrente Carpinella che nella sua alta valle bagna il territorio di Pietralunga. La maggior attenzione a questo Mulino è giustificata dal fatto che ancora è perfettamente funzionante: presenta un lungo e profondo bottaccio che affianca tutto il lato sud dell’edificio eretto subito a monte di quello costituente l’impianto di macinazione. All’alimentazione si provvede con le acque derivate da una diga costruita a pochi metri di lì (…), le acque sono immesse nel brevissimo condotto precedente l’invaso. Altrettanto breve è il canale di scarico che, sfruttando un dislivello di qualche metro, riporta le acque nell’alveo del Carpinella subito sottostante. Perfettamente conservato e funzionante è il ritrecine – erano due in passato – la cui vista risulta spesso impedita per le abbondanti acque defluenti nel margone. All’interno del vano di macinazione è oggi funzionante il palmento destinato alla molitura delle biade; ma ben conservati sono il “matariccio“, la “trocchetta” per regolare l’afflusso dei prodotti da macinare,” l’asinaccio” per distanziare le mole a seconda del diverso grado di finezza del prodotto da ottenere. Non mancano poi le gru per sollevare le macine per l’operazione dell’aguzzatura e una vecchia stadera issata sulla parete che si osserva appena superata la porta d’ingresso. (…)

Condividi
In questo articolo