La pergamena di Montone (14 agosto – 31 dicembre 2016)

La pergamena di Montone Nel 1216 il castello di Montone si sottomette al Comune di Perugia. Nei decenni successivi, la sottomissione fu rinnovata varie volte, dal momento che …

958
Condividi
958

La pergamena di Montone

Nel 1216 il castello di Montone si sottomette al Comune di Perugia. Nei decenni successivi, la sottomissione fu rinnovata varie volte, dal momento che Montone rappresentava un luogo strategico per controllare l’Alta Valle del Tevere e le vie di comunicazione verso le Marche e la Romagna.6x3

Ottocento anni dopo il 1216, il Comune di Montone organizza una mostra nel Museo civico di San Francesco, nella quale verrà esposto il documento in pergamena che riporta le clausole del patto tra Perugia e Montone. Questo documento è il più antico pezzo che si è conservato nell’ archivio storico di Montone. Inoltre, esso conserva intatto il sigillo pendente, che raffigura un grifo: si tratta della più antica rappresentazione del grifo adoperato come simbolo del Comune di Perugia. Tali caratteristiche rendono la pergamena di Montone un documento unico dal punto di vista storico e culturale.

L’allestimento della mostra contempla, oltre alla pergamena, una suggestiva presentazione audiovisiva, nella quale sono illustrate le caratteristiche del prezioso documento. Il racconto è affidato al professore Attilio Bartoli Langeli, massimo specialista della storia medievale umbra nonché editore del testo della pergamena; attraverso la sua presentazione, il pubblico verrà condotto in un vero e proprio viaggio nel passato: saranno illustrati i modi che venivano utilizzati per preparare una pergamena, le tecniche adoperate per redigere un documento, il ruolo svolto dai notai nella società comunale. In particolare, il racconto si concentra sulle numerose volte in cui, nel corso del XIII secolo, i patti tra Perugia e Montone vennero rinnovati, in occasione di specifiche contingenze politiche, come ad esempio quando si trattò di contrastare l’offensiva scatenata nelle terre della Chiesa dall’ imperatore Federico II di Svevia. Sulla scorta dei documenti presentati dal professore Bartoli Langeli, si potrà così venire a sapere che, alla metà del Duecento, il comune di Montone risulta essere rappresentato da Fortebraccio di Oddone, esponente di primo piano della nobiltà locale e antenato del condottiero Braccio Fortebracci. L’esposizione, dunque, intende richiamare l’attenzione sul ricchissimo patrimonio conservato negli archivi comunali umbri, mediante la valorizzazione di un documento particolarmente significativo e delle vicende che lo hanno condotto integro fino a noi.

La mostra sarà inaugurata domenica 14 agosto 2016 alle ore 10.30 con una conferenza svolta dal professore Attilio Bartoli Langeli dell’Università degli Studi di Perugia. L’esposizione rimarrà aperta fino al 31 dicembre 2016. Il progetto scientifico è curato dai professori Erminia Irace e Manuel Vaquero Piñeiro dell’Università degli Studi di Perugia; la sua realizzazione è curata dalle Associazioni locali “StoricaMente A.R.I.eS.” e “Pro Loco Montonese”.

Condividi
In questo articolo