Da una parete di San Fedele, riemerge un affresco.

In seguito ad un’ accurata ricerca e restauro è riemerso, nascosto da una intercapedine, un affresco che rappresenta una Maestà in trono con il Bambino e due santi …

313
Condividi
313
Parete con affresco

In seguito ad un’ accurata ricerca e restauro è riemerso, nascosto da una intercapedine, un affresco che rappresenta una Maestà in trono con il Bambino e due santi ai lati.

La Chiesa di San Fedele in corso Garibaldi  fin dal 1100 , funzionava come ospedale chiamato “Ospedale di San Lazzaro”.

Per volontà di Ranieri degli Olivi  (famiglia rivale dei Fortebracci) probabilmente si fuse con l’antico ospedale per lebbrosi e viandanti che si trovava nella Pieve di san Gregorio e passò sotto la direzione della Venerabile Congregazione di San Fedele da cui successivamente prese il nome.

La chiesa aveva unica navata e sull’altare maggiore vi era “L’Annunciazione” di Tommaso Bernabei conosciuto come Papacello che ora è possibile ammirare nella Pinacoteca Comunale di Montone, all’interno del Complesso museale di San Francesco. Nei due altari laterali, erano venerate le statue del Cristo Risorto e di San Rocco, oggi conservate nella chiesa della Collegiata.

Questa struttura oggi è trasformata in  Sala per Concerti, Mostre e Conferenze.

Parete con affresco
Affresco riemerso in una parete di San Fedele foto di Roberto Persico
Condividi
In questo articolo